La persona giusta. La aspettiamo tutte. Esiste, non esiste? E se esiste, perché non arriva? E se arriva, perché se ne va? Significa che abbiamo preso un abbaglio, che non era la persona giusta per noi?

A volte desideriamo così tanto trovarla da scambiare per la “persona giusta” chi non lo è.

Trovare la persona giusta non facile ma neanche impossibile. E’ possibile. O, meglio ancora, probabile. Secondo la microeconomia della vagina, ovunque tu sia, hai sempre una certa probabilità di incontrarla. Potresti incrociarla in un giorno qualunque della tua vita, per esempio. Per strada, sul lavoro, al parco. Magari è proprio quello a cui chiedi gentilmente di prenderti al supermercato l’ultimo vasetto di yogurt, che è su uno scaffale troppo alto per te! O quel collega di lavoro appena arrivato che non sopporti.

La persona giusta non solo è probabile: è anche un esperimento casuale. “Casuale” non perché arriva “a caso”, anzi: arriva proprio nel momento in cui deve arrivare ed è perfetta perché ha qualcosa da insegnarci. “Casuale” perché non abbiamo la certezza che si tratti della persona giusta… “per sempre”.

Nella microeconomia della vagina, non esiste la certezza del per sempre.

La persona giusta è, ogni giorno e costantemente, un “esperimento suscettibile di più risultati”. Quando incrociamo qualcuno abbiamo davanti  N casistiche di sviluppo, evolvibili su più livelli. Per quanto vorremmo predire come andrà tra noi e l’altro, questo non ci è possibile. Non con certezza. Ci sono sempre N casi ipotetici di sviluppo nelle relazioni.

Partiamo dalle basi. Immagina di avere un dado tra le mani, e di lanciarlo. Hai esattamente 6 casi ipotetici di sviluppo davanti:

CASO 1. Esce il numero 1
CASO 2. Esce il numero 2
CASO 3. Esce il numero 3
CASO 4. Esce il numero 4
CASO 5. Esce il numero 5
CASO 6. Esce il numero 6

L’amore è il nostro dado, un sentimento incerto. Nasce, non nasce? Resta, se ne va? E con quali probabilità è quello giusto?

LIVELLO 1
Hai appena conosciuto una persona

CASO 1. Lui ti piace
CASO 2. Lui non ti piace

LIVELLO 2 
Immaginiamo che si sia verificato il CASO 1: lui ti piace. A questo punto si aprono nuovi casi di sviluppo davanti:
CASO 1.1. Ti lanci nella conoscenza
CASO 1.2 Ti interessa ma vuoi andarci cauta
CASO 1.3 Non gli dai troppa importanza perché lo hai conosciuto su una dating app

… e così via…

Ognuno di questi casi ha, a propria volta, altri livelli di sviluppo… Passiamo al livello 3.

LIVELLO 3
Immaginiamo ora che si sia verificato il CASO 1.2: ti interessa ma vuoi andarci cauta. Questa decisione è collegata ad altri casi, per esempio:

CASO 1.21 Ti interessa sempre di più e iniziate a coinvolgervi
CASO 1,22 Lui si spazientisce e se ne va
CASO 1,23 Capisci che non è il tuo tipo 

Va avanti così, non solo per te ma anche per chi è dall’altra parte. Ognuno ha il proprio dado da lanciare e con cui fare i conti. Cosa significa?

Se in questo momento sei single hai ancora una certa possibilità di incontrare la persona giusta. Nulla è perduto.

Allo stesso modo…

Se in questo momento sei in coppia hai sempre una certa possibilità di perdere chi hai accanto. Non dare l’altro per scontato.

In qualsiasi momento la persona giusta può arrivare, in qualsiasi momento può andarsene. Questo non la renderà “meno giusta” per noi: semplicemente “non più giusta” per noi. Per quanto ci sia difficile accettarlo, è proprio questa probabilità dell’amore a tenerlo vivo, a farci sentire vive e mai banali. Sia quando manca sia quando c’è: di questo, stiamone certe.

M.d.v.

Facebook Comments